Via libera al Parco Nazionale del Matese

Legambiente: il massiccio montuoso tra Molise e Campania sarà finalmente tutelato

Con un emendamento presentato dal Sen. Caleo relatore in commissione ambiente del senato del ddll 119 Nuove disposizioni in materia di aree protette, e condiviso con il PD ed i parlamentari molisani, il massiccio montuoso del Matese sarà riconosciuto come Parco nazionale. Questo emendamento è un ulteriore tassello di un lungo percorso che Legambiente sta seguendo da oltre 30 anni e che oggi segna un punto importante anche grazie all’impegno di chi, dentro e fuori le istituzioni, crede che il Parco nazionale  sia una scelta utile per questo territorio che aspetta da tempo un nuovo indirizzo di crescita e di tutela“.

È’ questo il commento di Rossella Muroni presidente nazionale di Legambiente e Manuela Cardarelli presidente di Legambiente Molise, alla notizia diffusa oggi dal Senatore molisano Roberto Ruta, il quale nel divulgare la buona notizia, ha dato atto dell’impegno della nostra associazione che, in maniera coerente e caparbia, ha tenuto aperta la discussione su un’area protetta la cui istituzione è prevista fin dal 1991 ma di cui in Molise si parla dagli anni ’80. È doveroso, infine, ringraziare quanti hanno accompagnato questo percorso, dalla segreteria regionale del PD, ai sindaci, alle amministrazioni provinciali di Campobasso e Isernia e tutti i soggetti pubblici e privati interessati.

“In attesa che si concluda l’iter parlamentare della legge – concludono Muroni e Cardarelli – non si interrompe il percorso di ascolto e di condivisione con i sindaci e gli stakeholder territoriali che abbiamo svolto in tutti questi anni e che si è manifestato nella realizzazione nel 2013  degli Stati generali per il Parco del Matese che ha rappresentato un importante momento di confronto e di condivisione con il territorio e che ha garantito il risultato ottenuto oggi in Senato.”

Possibly Related Posts:


0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.